It / En
Indietro

BUON (NON) COMPLEANNO GIOACHINO ROSSINI!


COMUNICATO STAMPA

Gioachino Rossini nasce a Pesaro il 29 febbraio 1792 e allora la città festeggia il suo (non) compleanno con una puntata speciale di 'Rossini In sorsi' che riempie l'intero weekend di appuntamenti musicali - e non solo – , e coinvolge praticamente tutti i luoghi 'rossiniani'. L'invito a partecipare ai festeggiamenti è aperto a tutti, compresi i più piccoli.

'Rossini In sorsi' questa volta 'segna' un weekend speciale: tra sabato 28 febbraio, giorno del 'non' compleanno del compositore (nato il 29 febbraio 1792), e domenica primo marzo, sono veramente tanti gli appuntamenti che coinvolgono i luoghi 'rossiniani' della città. Il ricco programma è il risultato di una collaborazione tra enti, istituzioni, associazioni e soggetti cittadini uniti nella consapevolezza che Rossini e il suo patrimonio sono un elemento forte dell'identità di Pesaro da valorizzare con le energie di tutti. Il (non) compleanno di Gioachino Rossini è infatti promosso da: Comune di Pesaro/Assessorato alla Bellezza, AMAT, Fondazione Rossini, Conservatorio Rossini, in collaborazione con: Sistema Museo, Cantar Lontano Festival, Cooperativa Teatro Skené, Sound d Light; con il contributo della Tenuta Carlini.

Cerca la spilletta Rossini 223 e festeggia con noi...
E  proprio in questa prospettiva di condivisione, da allargare a tutti i cittadini, è stata progettata una spilletta 'pin' - Rossini 223 - da indossare nel weekend per dichiarare apertamente il proprio amore per Rossini e la sua musica eterna. Un 'piccolo' oggetto che però offre diversi vantaggi: chi possiede la spilletta (basta anche la versione stampata su carta) e la card Pesaro Cult potrà visitare gratuitamente Casa Rossini e i Musei Civici di Palazzo Mosca il 28 febbraio e il primo marzo. In più, la spilletta dà diritto ad uno sconto per partecipare alla passeggiata segreta al Teatro Rossini di domenica. Da venerdì 27, le  pins si potranno trovare, insieme al programma, presso il Centro Arti Visive Pescheria, i Musei Civici di Palazzo Mosca, Casa Rossini e Teatro Rossini, e sabato 28 febbraio dalle 20.30 nella chiesa di Santa Maria Maddalena.

Un programma ricco

E allora si parte sabato 28 febbraio dalle 15 alle 17 con le visite al Tempietto Rossiniano accolto a Palazzo Olivieri, sede del Conservatorio Rossini. Un luogo sicuramente da vedere perché qui sono custoditi numerosissimi documenti e testimonianze che ci raccontano il genio pesarese: gli autografi delle opere rappresentate a Napoli per la prima volta - Elisabetta, regina d’Inghilterra, Otello, ossia il Moro di Venezia, Armida, La donna del lago, Maometto II, Adina -, l’intero corpus dei Péchés de Vieillesse (i peccati di vecchiaia) composizioni cameristiche che Rossini scrisse nell’ultima parte della vita ma anche il suo più antico autografo teatrale; una sezione è dedicata alle onorificenze ricevute da Rossini da sovrani, governi e associazioni di tutto il mondo. In più anche lettere e immagini che ci rivelano un Rossini più 'intimo', come i carteggi con i genitori.

Alle 17, in Auditorium Pedrotti, l'inaugurazione dell'anno accademico 2014/15 del Conservatorio e un concerto rossiniano diretto da Luca Ferrara. Ancora alle 17, ma questa volta in Pescheria, si esibisce il 'Roger Jazz Quintet', composto da studenti del Conservatorio.
La giornata si conclude nella Chiesa di Santa Maria Maddalena, illuminata per l'occasione da 223 candele; dalle 21, un fitto programma con interpreti e musicisti del territorio coinvolti in una maratona 'rossiniana' - ogni performance durerà in media 10 minuti - che culminerà a ridosso della mezzanotte con un coro di tanti auguri e un brindisi offerto dalla Tenuta Carlini.

I festeggiamenti continuano domenica primo marzo con una nuova tappa di 'Rossini In Sorsi' ancora più ricca per l'occasione; la musica non è l'unica protagonista ma si affianca a diverse opportunità di entrare nei luoghi della città più 'segnati' da Rossini. Dalle 10 alle 13, si visita nuovamente il Tempietto Rossiniano. Alle 10 torna il barbiere a Casa Rossini e la possibilità di farsi una barba in un'atmosfera unica, accompagnati dalle celebri arie del genio pesarese. Alle 11 al Teatro Rossini, parte una passeggiata alla scoperta dei suoi luoghi più segreti che questa volta avrà temi e suggestioni molto legati alla vita e alla produzione di Rossini.

Il pomeriggio prevede una doppia proposta pensata per i bambini e le loro famiglie. Alle 16 al Teatro Rossini, un nuovo appuntamento di TeaTeatro dedicato questa volta all'opera di Rossini 'La Cenerentola': mentre i bambini partecipano al laboratorio e scoprono chi ha rubato la scarpetta, i genitori possono rilassarsi bevendo un té nel foyer. Alle 16,45, a Casa Rossini, un incontro animato dal titolo 'A tutta gazza: dal cucchiaio alla tavola'. La cantante Anna Guidarini, madre del compositore, condurrà i partecipanti nell’invitante mondo delle ricette rossiniane, alcune da gustare e altre da realizzare, vere e proprie tavole culinarie alla maniera dei futuristi.  
Alle 18, con replica alle 19, l'appuntamento è allo scalone vanvitelliano (cui si arriva da piazza del Monte) dove si esibiranno Pamela Lucciarini, soprano, e Mirca Rosciani al pianoforte; le musiche, tratte dalle Soirées musicales, sono di Rossini.

Il weekend di Rossini è servito

Info